Palchi nei Parchi
Torna all'elenco

Gli spettacoli sono ad ingresso gratuito 

con possibile offerta libera green.
Si raccomandano plaid o cuscino per sedersi sull’erba e abbigliamento comodo.

 

Palchi nei Parchi

Le indicazioni sulle variazioni a causa del maltempo sono riportate nelle pagine dedicate al singolo evento.

 

Dettaglio Spettacolo

ARTÙ E LA DAMA DEL LAGO

I cavalieri della Tavola Rotonda

Parco di Villa Chiozza

Scodovacca di Cervignano del Friuli

Mercoledì 19 Giugno / ore 17:00

A CURA DI Damatrà onlus

 

Prenotazioni: 0431 388540

biblioteca@comune.cervignanodelfriuli.ud.it

 


In caso di maltempo:
Casa della Musica, Cervignano del Friuli (Ud)

Programma Spettacolo

Dopo aver estratto la spada nella roccia il giovane Artù diventato re incontra, uno alla volta, i cavalieri che si siederanno attorno alla famosa tavola rotonda. Una storia cortese e avventurosa che ci racconterà le gesta leggendarie di Galgano, Lionello, Lancillotto e ovviamente della bellissima Dama del Lago. Un racconto dove spade magiche, audacia e coraggio sono messi al servizio dei più deboli in una leggenda che ha attraversato i secoli ed è arrivata fino a noi. Un esilarante racconto a due voci che attraverso epiche gesta e buffi aneddoti ci trasporterà a Camelot. L’invito è per tutti i bambini, le bambine e le loro famiglie, che vogliono sperimentare l’ascolto di una storia dove a fare da scenografia sono alberi e acque! 

In collaborazione con Damatrà all’interno del progetto di promozione alla lettura LeggiAMO 0-18 FVG, PromoTurismoFVG e Comune di Cervignano del Friuli.

Le Nostre Parole
IL PARCO DI VILLA CHIOZZA

A cura di PromoTurismoFVG

Parco di Villa Chiozza
Descrizione

Lo scienziato e imprenditore triestino Luigi Chiozza (1829-1889) ha indissolubilmente legato la sua figura a villa Chiozza e al suo parco, perché vi dimorò dal 1858 dopo aver abbandonato l’Istituto di Arti e mestieri di Milano a seguito della morte della giovane moglie.

La tenuta di Scodovacca era allora utilizzata come una casa estiva per la famiglia, ma egli seppe adattarla a residenza principale, trasformando alcuni annessi rustici in laboratori: qui Chiozza mise a punto le proprie ricerche utili alle innovazioni in campo agrario e nel 1870 Louis Pasteur scoprì un rimedio alla pebrina, la malattia dei bachi da seta che andava decimando la produzione europea.
Nella seconda metà dell’ottocento la tenuta fu radicalmente ristrutturata: la villa assunse l’attuale aspetto neoclassico con ingresso bugnato e trifora con edicola e timpano, mentre i terreni circostanti furono trasformati in un vasto parco all’inglese. Chiozza fece arrivare a Scodovacca più di 140 essenze, costruendo uno scenario dove l’apparente naturalezza del paesaggio è il frutto di una studiata pianificazione. In 22 ettari troviamo piante provenienti da ogni parte del mondo: sequoie secolari (Nord America), liquidambar (Nord America), ginko biloba (Cina) accanto a piante autoctone quali carpino bianco e acero campestre. Una delle attrazioni più singolari del parco è una vera foresta di canne, alte e robuste, costituiscono una fitta macchia verde, scura e impenetrabile.

Acquistata nel 1978 dalla Regione, l’intera tenuta è oggi sede della PromoturismoFVG.

COME ARRIVARE

Raggiungibile in auto e breve camminata dall'ingresso su via Fredda SP54.

Evento realizzato in collaborazione con